Canta Miarulu ca’…

La copertina del libro dal titolo Canta Miarulu ca'... di Antonio Cuda

Le poesie di Antonio Cuda, scritte nel dialetto nicastrese della prima metà del Novecento, attraversano il tempo e lo spazio in un afflato mitico, in sonorità d’inusitato ritmo e fluidità, di duttile musicalità cantante. I versi di questa silloge, levigati e cristallini, trasformano il territorio calabrese di Nicastro in atemporale luogo cosmico.

Il libro è interessante per tutti, ma ancora di più per chi ha origini lametine; per chi vive a Lamezia Terme, in casa, dovrebbe avere almeno 2 copie di questo libro: una per sé, l’altra da regalare alle persone che le più varie ragioni abitano lontani dalla terra di origine.

Supra ’nu ramu bellu appustatu
illu cantava ma ’u vidìa scunsulatu.
’I mia ’un si nd’avìa propriu addunatu
sinnò quasi ’i sicuru avera bbulatu.
’U beccu c’avìa cuntrastu fhacìa
e ’ntr’o viardi di foghji cchjiù giallu parìa.
Era ’nnu miarulu ca fhacìa llu richjiamu
parìa ddiri ad ancuna «Amore ti amu.»
’A natura cci’ha ddatu ’nu bellu spartitu
e ccu cchillu cantu priastu era zzitu.

Antonio Cuda è nato a Nicastro, ora Lamezia Terme, nel 1954, dove ha vissuto e studiato fino al conseguimento del diploma di maturità di ragioniere e perito commerciale. Ha lavorato a Torino alle dipendenze delle Ferrovie dello Stato per circa vent’anni; successivamente, trasferito a Catanzaro, ha continuato a lavorare nella Pubblica Amministrazione. Da pochi anni in pensione, coltiva vari hobby come viaggiare, la fotografia, e scrivere poesie in dialetto calabrese. È sposato e ha due figlie. Canta Miarulu ca’… è la sua prima pubblicazione.

Collana POETICA
Pubblicato a luglio 2022
Pagine 136 – € 16

Acquista il libro cliccando qui

Rassegna stampa

  • 1 novembre 2022 – redazionale a cura della testata giornalistica “Il Lametino
  • 12 settembre 2022 – articolo e videointervista all’Autore del volume, realizzata da Riccardo Cristiano per LameziaTerme.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.